Intervista con Furio Colombo, giornalista, scrittore e politico italiano

Furio ColomboIl ministro delle finanze Giulio Tremonti sta per presentare un nuovo decreto al Parlamento Italiano. Perchè questo decreto rappresenta una minaccia per la libertà di informazioni ?

Furio Colombo : La condizione di vero e proprio assedio delle notizie della stampa italiana era grave anche prima del decreto Tremonti.
Tutta la grande stampa di informazione è proprietà di grandi imprese e consorsi di imprese, che sono collegate dai normali legami che si tracciano fra finanza e industria  di un Paese moderno. Ma la modernità del Paese è alterata da due fattori. Un uomo immensamente più potente di altri – sia nel campo dei media che in quello della Finanza – è anche capo del governo. Questo fatto intimidisce e sconsiglia gesti e inziative che possano apparire sgradite a Silvio Berlusconi, nella doppia veste di capo del Governo e uomo dal grandissimo potere economico. Il secondo fattore è l’opinione pubblica. Nella storia italiana il ruolo aggressivo e audace dell’opinione pubblica è sempre stato scoraggiato, prima dall’egemonia della Chiesa, poi dal fascismo, poi dalla rigida spartizione di aree di influenza pubblica determinate dalla Guerra Fredda. Non sarebbe giusto dire che l’Italia è un Paese non coraggioso, come non sarebbe giusto dire che gli americani sono inclini alla violenza. Certo, noi italiani siamo inclini a un prudente opportunismo, : nessuno si è ribellato al fascismo senza partigiani e americani; nessuno si è ribellato alla corruzione senza i giudici di Mani Pulite; nessuno si alzerà a denunciare il silenzio-stampa che grava sull’Italia fino a… Ma questo è un evento che deve ancora venire.
In questo quadro, la decisione – apparentemente dovuta solo a penuria di risorse  – di tagliare sovvenzioni e aiuti economici alla pubblicistica cooperativa (giornali senza padroni fatti da giornalisti) appare innocente, perché tante altre cose sono tagliate. Ma è grave perché quelle voci sono le sole a dare un’informazione dissonante.
Il ccaso più clamoroso è quello del “Manifesto”. Comunque, ciò che accade è penalizzare e alla fine chiudere giornali che – con un po’ di aiuto pubblico – non dipendono da un padrone. Ma neppure da un partito. Infatti i giornali di partito vengono in parte risparmiati , confermando una situazione di stallo per la vita pubblica italiana: da un lato la forza  (però sottomessa alla forza più grande di Berlusconi) della proprietà industriale. Dall’altra i partiti, che però sono implicitamente invitati ad abbassare i toni  per continuare a meritarsi qualche aiuto per i loro giornali.

Fino ad ora, come erano distribuite le aiuti economici ? E come lo sarano se il decreto Tremonti viene adottato ?

Piuttosto che entrare nel dettaglio di numeri (poco significativi, lontano dalle vicende italiane), dirò che si tratta di un poderoso disincentivo, di uno scoraggiamento a continuare a tentare di esistere. Riprendo il caso del “Manifesto”. Spesso, in momenti difficili, questo libero giornale di sinistra si è salvato raccogliendo sottoscrizioni private. Difficile ottenerle se si sa in anticipo che il giornale è destinato a fallire.

Silvio Berlusconi e Nicolas Sarkozy sono spesso paragonati nel loro modo di utilisare i media. Che ne pensa Lei ?

Non c’è paragone tra Sarkozy e Berlusconi. Sarkozy è un politico abile che apporfitta  dell’influenza e, a volte, del potere per comparire di più. Berlusconi possiede tre telegiornali privati, li controlla personalmente, nomina e caccia giornalisti, premia gli amici. Berlusconi è un fuorilegge che approfitta della politica.  

Raccolto da Daphne Kauffmann

Leggere l’intervista in Francese

Sito di Furio Colombo
"Il Dissitente", blog di Furio Colombo
Sito del "Manifesto"

Vous aussi, Participez à notre enquête

Un Panthéon du Journalisme, en France et en Europe.

Quelles sont les 10 personnalités de l’histoire du Journalisme français qui incarnent le mieux, selon vous, les valeurs de notre métier ?

Quel·les sont les journalistes, aujourd’hui disparu·es, qui ont forgé votre imaginaire ? Vous ont fait rêver ? Vous ont peut-être donné envie de faire ce métier ?

Des journalistes dont l’œuvre ou la vie ont incarné nos valeurs, vous ont servi de repères ?

Qui sont ces "grand·es" journalistes en somme à qui notre communauté professionnelle est «reconnaissante » ?

L’association Journalisme & Citoyenneté, organisatrice des Assises du Journalisme de Tours, de Tunis et de Bruxelles, vous propose de participer à la création du PANTHEON du JOURNALISME, en France d’abord, en Europe ensuite, pour honorer ces femmes et ces hommes qui ont marqué ce métier de leur empreinte.

Pour participer, rien de plus simple. Choisissez dans la liste sur la page suivante les 10 personnalités qui méritent à vos yeux de rentrer en priorité dans ce Panthéon laïc et numérique.

Objectif : Identifier celles et ceux qui nous rassemblent. Contribuer à les faire mieux connaitre, avec la conviction que dans cette période de doute sur sa légitimité, notre métier a plus que jamais besoin de se raccorder à son histoire.

Nous partagerons les premiers résultats de cette consultation lors de la seizième édition des Assises du journalisme à Tours le 30 mars 2023.

Nous lancerons ensuite la démarche au niveau européen en proposant aux journalistes des 26 autres pays de l’UE de s’associer à l’initiative avec l’ambition de présenter le Panthéon des Journalistes Européen lors de la deuxième édition des Assises de Bruxelles à l’automne 2024.

En fonction de la dynamique créée, un groupe de travail proposera les évènements, les colloques, les publications qui permettront de valoriser au mieux l’histoire et l’œuvre des journalistes Panthéonisés.

Pour suivre le développement du projet, vous pouvez vous inscrire à la newsletter journalisme.com :